La memoria è come un cane. Un cane a cui lanci un bastone e ti riporta indietro una cosa qualsiasi

(Furiosa Scandinavia, Antonio Rojano)

  • Facebook
  • Vimeo
  • Instagram

“Un ambizioso caleidoscopio su l’amore e la memoria. Inquietante e poetico.” 

Marcos Ordóñez, El País (critico teatrale)

Debutto nazionale 29/30 aprile 2020 al Teatro Stabile di Torino, all'interno della rassegna

Il cielo su Torino

Prenota il tuo biglietto per Furiosa Scandinavia al Teatro Stabile 

in scena dal 18 al 22 novembre 2020 al Teatro Biondo Stabile di Palermo

 

 

Progetto finanziato dal Bando Mobilidad 2019 di Acción Cultural Española 

 

Furiosa Scandinavia

di Antonio Rojano
traduzione italiana Marta Bevilacqua
regia Javier Sahuquillo
con Valentina Virando, Giuseppe Nitti, Alessandro Federico, Marta Bevilacqua
movimento scenico Francesca Cassottana
drammaturgia della traduzione Fabio Pisano
musiche Roberto Cammarata
scenografia Alessandro Battisti
direzione tecnica e disegno luci Andrea Gagliotta
identità visiva Kamilla Lucarelli

foto Cristina Le Noci
video Cinemage
assistenza alla regia Marta Bevilacqua


Produzione Settembre Teatro / Acción Cultural Española
In collaborazione con l’Istituto Cervantes di Milano e l’Università di Torino
durata 90 minuti

 

Leggi il dossier completo  // Scarica la scheda tecnica

Scopri la Linea Serigrafica Furiosa Scandinavia  // Ascolta la musica di Furiosa Scandinavia

Sinossi.

L’oblio come forma di vita nel progetto di Settembre Teatro, dal testo del drammaturgo spagnolo Antonio Rojano. Ispirato al romanzo Alla ricerca del tempo perduto, uno spettacolo che si addentra nella geografia delle delusioni amorose tra ossessioni proustiane e nevrosi da social network.

Il regista di Valencia Javier Sahuquillo, fondatore di Perros Daneses e autore di Nelle catacombe, firma la messa in scena di Furiosa Scandinavia, del drammaturgo spagnolo Antonio Rojano, Premio Lope de Vega de teatro 2016, Ispirato esplicitamente alla proustiana Ricerca del tempo perduto. I personaggi di Furiosa Scandinavia danno l’impressione di appartenere a un’era futura non ancora arrivata, costretti a vivere in un tempo di passaggio. Voci smarrite, disorientate, perse nei labirinti di sé; personaggi schiavi nella libertà. Sarà l’ossessione per l’amore perduto a far incontrare i due personaggi principali, Erika M. e Balzacman, i nickname tramite i quali si danno appuntamento. Entrambi sono stati abbandonati, ma se Erika preferisce l’oblio medico, la pillola che cancella le memorie spiacevoli, lui sceglie di ricordare, lanciandosi in un viaggio delirante in Norvegia. Ma questa è solo una parte della storia – la punta di un iceberg - di un conflitto più ampio e profondo
che appartiene alla generazione dei Millennials.

Un viaggio senza scappatoie, Furiosa Scandinavia è una riflessione sulla maternità, le scelte e il dolore, ma anche sulla fallibilità dei nostri ricordi. È il grande legame tra luoghi, emozioni e memorie, nell’esplicito ed eccitante potere della finzione.

 

Il progetto Furiosa Scandinavia.

L'opera Furiosa Scandinavia è stato tradotta in italiano da Marta Bevilacqua, pubblicata dalla casa editrice SuiGeneris e adottata all’Università di Torino dalla docente di Letteratura Spagnola Veronica Orazi.

Il progetto “Furiosa Scandinavia: dalla carta al palco” di Settembre Teatro e SuiGeneris Edizioni è selezionato nel 2019 all’interno della sezione “Artes Escénicas” del bando di AC/E - Acción Cultural Española (ente spagnolo corrispondente al Mibact italiano), vincendo il cofinanziamento per il sostegno di attività artistiche e multidisciplinari e di diffusione di opere e artisti contemporanei spagnoli.
Inoltre, le attività parallele del progetto Furiosa Scandinavia sono state realizzate grazie al sostegno dell’Università di Torino e dell’Istituto Cervantes di Milano, in collaborazione con l’Istituto di Studi Storici Gaetano Salvemini di Torino e il Polo del ‘900.

L'anteprima dello spettacolo è stata realizzata il 13 e 13 maggio 2019 al Polo del '900 di Torino, all'Interno delle attività del Salone Off. 

La presentazione del progetto e del volume sono stati realizzati all'interno delle attività del Salone Internazionale del Libro di Torino.